La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha pronunciato il 16 settembre l’ormai tradizionale Discorso sullo stato dell’Unione davanti al Parlamento seduto in sessione plenaria. Ogni anno viene fatto il punto su quanto raggiunto nei 12 mesi precedenti e tracciato le linee guida per il lavoro della Commissione nel prossimo anno.

In particolare i principali temi toccati dalla Presidente sono stati: la protezione della salute, il Green Deal europeo e la riduzione delle emissioni, la digitalizzazione, la modifica degli accordi per la gestione dei flussi migratori, una maggiore attenzione alla lotta al razzismo e alla discriminazione.

Il discorso della Presidente von der Leyen è accompagnato da una "lettera di intenti" indirizzata al Presidente del Parlamento europeo David Sassoli e alla Cancelliera tedesca Angela Merkel, attuale Presidente di turno del Consiglio. La lettera contiene un elenco delle iniziative che la Commissione europea intende portare avanti nel corso del prossimo anno.

Sul tema della salute, che prende ovviamente spunto dall’epidemia in corso, la Presidente ha sottolineato l’importanza di un’azione a livello europeo, con un programma EU4Health adeguato alle esigenze future e debitamente finanziato e un'Agenzia europea per i medicinali (EMA) e un Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) rafforzati.

Sul capitolo “Green Deal”, la Presidente ha dichiarato che la Commissione europea si propone di incrementare l'obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030 dal 40 % ad almeno il 55 %. Entro la prossima estate la Commissione sottoporrà a revisione tutta la normativa dell'UE in materia di clima ed energia. La Presidente ha inoltre annunciato che il 30 % dei 750 miliardi di Euro del bilancio dell’iniziativa “NextGenerationEU” deriverà da obbligazioni verdi. Il 37% dei finanziamenti sarà investito negli obiettivi del Green Deal europeo, compresi i progetti faro europei: idrogeno, edilizia ecocompatibile e 1 milione di punti di ricarica dei veicoli elettrici. La Presidente ha poi chiesto una nuova "Bauhaus europea", vale a dire una piattaforma di co-creazione per architetti, ingegneri e progettisti, per lanciare lo stile architettonico dei nostri tempi, che rispecchi le nostre aspirazioni di rendere l'Europa il primo continente climaticamente neutro.

Ursula von der Leyen, parlando di digitalizzazione, ha chiesto un piano comune per l'Europa digitale con obiettivi chiaramente definiti per il 2030 in ambiti come la connettività, le competenze e i servizi pubblici digitali. Inoltre ha annunciato che l'UE investirà il 20 % del bilancio di NextGenerationEU nel digitale.

La Presidente ha reso noto che la prossima settimana la Commissione presenterà il nuovo patto sulla migrazione e che entro la fine di settembre la Commissione adotterà la prima relazione annuale sullo Stato di diritto riguardante tutti gli Stati membri, impegnandosi a garantire che i fondi dell'UE siano spesi nel rispetto dello Stato di diritto.

La Presidente von der Leyen ha infine annunciato che la Commissione presenterà un piano d'azione europeo di lotta contro il razzismo, rafforzerà le leggi in materia di uguaglianza ed estenderà l'elenco dei reati a livello dell'UE a tutti i crimini d'odio e relativi a discorsi di incitamento all'odio fondati sulla razza, la religione, il genere o l'orientamento sessuale. La Commissione nominerà inoltre il suo primo coordinatore antirazzismo e presenterà una strategia per rafforzare i diritti delle persone LGBTQI, adoperandosi per il riconoscimento reciproco delle relazioni familiari all'interno dell'UE.

Giulia firma web

La versione completa (in lingua tedesca) in PDF  è scaricabile qui.

Le altre edizioni degli EU Update sono consultabili qui.

Tags: EU Updateenergy_and_environment_ITAhealth and consumer itasingle market and SMEs_itSouth Tyrol