Il 25 ottobre 2016 il Presidente della Commissione Juncker ha presentato al Parlamento riunito in assemblea plenaria a Strasburgo il programma di lavoro della Commissione per il 2017. Come previsto dall’accordo Inter-istituzionale “Legiferare meglio”, per la prima volta l'adozione del Programma è avvenuta a seguito di un giro di consultazioni col Parlamento ed il Consiglio Europeo. Nelle prossime settimane, inoltre, la Commisisone, Parlamento europeo e Consiglio elaboreranno conguntamente una lista ristretta di iniziative ad alto impatto politico che saranno trattate in via prioritaria.

La condivisione degli obiettivi prioritari da parte dei diversi organi dell’Unione è un punto di forza del nuovo piano di lavoro, che riflette altresì l’impulso ad un sempre maggior coinvolgimento dei cittadini e delle parti sociali nell’elaborazione delle proposte normative.

Il Programma di lavoro adottato nella forma di una Comunicazione della Commissione, prende spunto dalla difficile situazione economico-politica in cui l’Unione Europea si trova e sottolinea come l’obiettivo della Commissione è di dare risposte concrete ai suoi cittadini in termini di sicurezzai, promozione di percorsi di sviluppo sostenibili e creazione di prospettive di benessere per le generazioni future. 

In continuità con le 10 priorità enunciate da Juncker all’inizio del suo mandato, il Programma individua i 21 dossier entro cui sono raggruppate le nuove proposte legislative e non-legislative che la commissione avanzerà il prossima anno. L’adozione di nuove proposte è prevista per esempio in relazione all’Agenda per le competenze nonchè all’economia circolare (con un focus sulla circolazione dei prodotti derivanti dal riciclaggio dei rifiuti). Entro la fine dell’anno sarà adottata la proposta complessiva della Commissione riguardo al nuovo Quadro Finanziario Pluriennale (ossia la programmazione europea post-2020). In campo energetico sarà prioritaria l’implementazione dell’Accordo di Parigi e la riduzione delle emissioni. Sarà inoltre centrale il tema dell’efficientamento energetico che verrà perseguito attraverso l’implementazione della strategia europea sul tema e si focalizzerà sulla iniziative volte alla modernizzazione dei settori economici e il potenziamento delle fonti rinnovabili. Prioritario sarà anche il tema della mobilità, con una revisione degli atti in materia di veicoli a basse emissioni e del piano d’azione sulle emissioni per il periodo post-2020. La Commissione si è posta inoltre l’obiettivo di effettuare una revisione di medio termine dell’Agenda europea sulla migrazione, con l’implementazione dei nuovi accordi di partenariato siglati con gli stati terzi.

Le nuove proposte che la Commisisone prevede di adottare sono elencate nell’allegato I alla Comunicazione. Come di consueto, infine, negli altri allegati si trovano l’elenco delle proposte legislative che verranno abbandonate perché non più in linea con gli obiettivi programmatici dell’Unione Europea, gli atti che verranno abrogati perché sostituiti con altri atti normativi e gli atti che verranno sottoposti alla procedura “REFIT” (Regulatory Fitness and Performance Programme).

Comunicazione sul programma di lavoro della Commissione per il 2017
Allegato 1 – Nuove iniziative iniziative
Allegato 2 – Nuove azioni REFIT
Domande e risposte: il programma di lavoro della Commissione per il 2017

Tags: flash news italianoTrentino