La politica regionale, o politica di coesione, ha come obbiettivo generale quello di rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale tra le regioni in Europa, al fine di sostenere la creazione di posti di lavoro, la competitività delle aziende, la crescita economica, lo sviluppo sostenibile e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini europei.

Quasi un terzo del bilancio totale dell'Unione europea è destinato al finanziamento della Politica di Coesione per il periodo 2014-2020 attraverso tre fondi principali: il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Fondo di Coesione. Essi, insieme al Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR) e il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (FEAMP), compongono i cosiddetti Fondi strutturali e di investimento europei (ESIF). Ogni fondo, nel proprio settore di intervento, contribuisce a realizzare gli obbiettivi di crescita europei definiti nella strategia Europa 2020, attraverso la "concentrazione tematica” degli interventi in 11 priorità di investimento od "obiettivi tematici". Tali obiettivi comprendono ricerca e innovazione, tecnologie digitali, PMI, sostenibilità ambientale, occupazione, inclusione sociale nonché istruzione e formazione. Parte del finanziamento della politica di coesione è inoltre strettamente correlato alle iniziative faro della strategia Europa 2020 (in particolare agenda digitale, unione dell'innovazione, nuove competenze e occupazione). A livello di Stati membri, le priorità cui sono destinate tali risorse sono indicate negli accordi di partenariato, mentre gli obiettivi nazionali della strategia Europa 2020 sono elencati nei programmi di riforma nazionali elaborati a cadenza annuale e valutati nel contesto del Semestre europeo.

Strategie Macroregionali
Un ambito relativamente nuovo della politica di coesione è rappresentato dalle strategie macroregionali. Per macro-regione si intende un’area geografica specifica che include il territorio di un certo numero di paesi o regioni diversi, che si associano in base a una o più caratteristiche comuni o sfide geografiche, culturali, economiche o di altra natura. Le macro-regioni sono strumenti per affrontare problemi che non possono essere affrontati in modo soddisfacente dai singoli paesi e regioni (ad esempio le sfide ambientali) e per supportare la cooperazione. Dal 2009 ad oggi sono quattro le strategie macro-regionali adottate dalla Commisisone.

In particolare, nel 2015 è stata adottata la Strategia UE per la regione alpina (EUSALP), di cui fa parte la Regione europea Tirolo-Alto Adige-Trentino.

Commissione europea - Politica Regionale

Parlamento europeo – Commissione Sviluppo regionale

Consiglio dell'UE - Formazione affari generali

Comitato delle regioni - Commissione politica di coesione territoriale e bilancio dell’UE

Contatti in Tirolo, Alto Adige e Trentino

 

Politica regionale - ultime novità